News
La Commissione Ambiente del Parlamento UE a favore dalla raccolta dell’organico PDF Stampa E-mail
Venerdì 27 Gennaio 2017 14:48

Il 24 gennaio 2017 la commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (ENVI) del Parlamento europeo ha votato gli emendamenti al pacchetto sull’economia circolare per la revisione della Direttiva Quadro sui Rifiuti.

Il settore del “biowaste” esprime la propria soddisfazione per i risultati raggiunti dopo parecchie negoziazioni tra gli europarlamentari e le associazioni di categoria.

Anche il CIC, direttamente con la propria struttura e indirettamente tramite l’European Compost Network, ha portato elementi propositivi affinché la stesura della norma fosse adeguata alle esigenze sia ambientali che imprenditoriali.

Le proposte salienti riguardano:

1)     Inclusione del RICICLAGGIO DELL’ORGANICO

2)     Definizione di rifiuto alimentare

3)     Introduzione della gerarchia sulla gestione del rifiuto alimentare

4)     Introduzione del target di 70% di Raccolta differenziata entro il 2030

5)     Introduzione di target di riduzione del rifiuto alimentare

6)     Obbligo della Raccolta differenziata del rifiuto organico (verde + umido per intenderci)

7)     Introduzione di un sistema di tracciabilità e creazione del Sistema di Assicurazione della Qualità (il Marchio del Compost per intenderci)

8)     Gli stati membri introdurranno misure tecniche e fiscali per il sostegno del mercato dei prodotti riciclati (incluso il compost!).

Tappa successiva sarà l'assemblea plenaria del Parlamento Ue, probabilmente la sessione di metà marzo. Dopo il voto del Parlamento europeo si aprirà la fase di negoziazione col Consiglio Ue per arrivare a un testo condiviso.

http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?type=IM-PRESS&reference=20170123IPR59605&language=IT&format=XML

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 03 Febbraio 2017 07:58
 
Sfalci-Potature: Risposta Commissario Europeo all'Ambiente conferma posizione del CIC PDF Stampa E-mail
Lunedì 09 Gennaio 2017 09:29

Roma, 9/1/2017

 

Karmenu Vella, il Commissario Europeo all’Ambiente, risponde ad un’interrogazione (E8519/2016) dell’eurodeputato Dario Tamburrano (EFDD) sull’esclusione in Italia di sfalci e potature dalla normativa rifiuti, introdotta dallla Legge 154/2016 approvata ad Agosto 2016.

La risposta del  Commissrio Europeo sostiene che "sfalci e le potature rientrino in tale definizione se provengono da giardini e parchi e pertanto dovrebbero essere oggetto di una corretta gestione dei rifiuti".

Inoltre il Commissario dichiara che "la Commissione solleverà la questione con le autorità italiane competenti".

 

 

Maggiori dettagli qui:

La posizione del CIC in merito alla Legge 154/2016 qui

La interrogazione e la risposta del commissario Europeo qui

 

 

MR

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 09 Gennaio 2017 09:41
 
DiChePlasticaSei? Plastica e Bioplastica - due risorse da conoscere PDF Stampa E-mail
Mercoledì 30 Novembre 2016 18:00

Plastica e Bioplastica - due risorse da conoscere

 

E' stata lanciata a Novembre 2016 la nuova campagna di informazione promossa da Assobioplastice, CONAI, Consorzio Italiano Compostatori e COREPLA per migliorare la conoscenza pubblica delle caratteristiche e delle distinzioni tra plastiche convenzionali e bioplastiche.

 

Di particolare interesse per il settore della raccolta differenziata e del compostaggio è la bioplastica, la cui caratteristica principale è di essere biodegradabili e compostabili nel fine vita. Pertanto un manufatto in bioplastica compostabile può essere recuperato mediante riciclaggio organico, che comprende compostaggio industriale e la digestione anaerobica.

 

Separare correttamente gli imballaggi si può, si deve. Prendiamo per esempio i sacchetti per la spesa, i cosiddetti shopper usa e getta, che in Italia (Legge 28/2012) devono essere biodegradabili e compostabili. Sono tali solo i sacchetti conformi allo standard internazionale UNI EN 13432 e che riportano le apposite certificazioni. Questi sacchetti possono quindi essere riutilizzati per la raccolta differenziata della frazione organica, it cosiddetto "umido".

 

I materiali in bioplastica certificati "compostabile CIC" rispettano i criteri dello standard Eureopeo EN 13432.

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Novembre 2016 18:02
 
Comunicazione: Bando di Gara per i servizi di Creazione dell'hub digitale PDF Stampa E-mail
Mercoledì 30 Novembre 2016 13:20

Bando di Gara per i servizi di Creazione dell'hub digitale

30 Novembre 2016 ore 12:00

 

Il Consorzio Italiano Compostatori ha avviato insieme a Conai, Corepla, Assobioplastiche un progetto orientato a promuovere i ricicli virtuosi degli imballaggi in plastica e bioplastica oltre a valutare la presenza e l'impatto delle plastiche all'interno degli impianti di compostaggio e biogas associati al CIC.

 

In allegato è disponibile il Bando di gara per la realizzazione di hub digitale: collettore per tutta la comunicazione on line secondo le linee di comunicazione generali dell’intero progetto, attività SEO, campagne online e attività sui social network.

 

Le agenzie partecipanti dovranno inviare quanto richiesto entro 30 giorni lavorativi dalla pubblicazione del bando.

In allegato i documenti di gara.

 

FAQ

Domanda: Qual è l'ultimo giorno per inviare il progetto?

Risposta: il 16 gennaio 2017


Domanda: Qual'è la durata del progetto?

Risposta: la scadenza è il 30 giugno 2017


Domanda: È stato definito un budget massimo per il progetto?

Risposta: non superiore a euro 200.000,00

 

Domanda: La cifra di 200.000€ indicata a base d’asta è da considerarsi IVA esclusa?

Risposta: Esatto. Trattasi di 200.000,00 euro iva esclusa

 

Domanda:Cosa si intende, nel paragrafo “Canali media” del brief, con la frase “Stampa e radio con visibilità nazionale. Eventi.”?

Risposta: Si intende che le attività di comunicazione prevederanno, oltre a quelle web e social network, anche campagne stampa, radio ed eventi di cui seguiranno successive gare.


Domanda:Entro quale orario va inviato il progetto il giorno 16/01/2017?

Risposta: I progetti dovranno pervenire entro le ore 24 del 16/1/2017

Ultimo aggiornamento Lunedì 02 Gennaio 2017 14:26
 
CEC_UNEP Video Contest per sensibilizzare l'opinione pubblica sullo spreco alimentare PDF Stampa E-mail
Lunedì 14 Novembre 2016 15:53

Le Nazioni Unite richiedono di dimezzare lo spreco alimentare entro l'anno 2030 (UN Sustainable Development Goal).

 

Nell'ambito di tale obiettivo la CEC (Commissione per la Cooperazione Ambientale) e l'Agenzia per l'Ambiente delle Nazioni Unite hanno lanciato l'iniziativa pubblica rivolta a selezionare i migliori Video Clip di massimo 60 secondi sul tema dello scarto alimentare e associati all'hashtag #NotWasting.

 

Maggiori informazioni qui

 

Scadenza 9 Dicembre 2016.

 

MR, Nov 2016

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 24

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e gestire la tua navigazione all'interno di questo sito. I cookies necessari all'essenziale funzionamento del sito sono gi stati installati.
Se vuoi saperne di pi o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la Cookies & Privacy policy. Clicca sul pulsante Agree - Confermo in fondo a questo box per proseguire la navigazione e acconsentire alluso dei cookies.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our Cookies & Privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information